01.jpg

Detrazioni fiscali

SCOPRI COME RISPARMIARE GRAZIE AI PRODOTTI DI QUALITA’ CHE TI PERMETTONO DI USUFRUIRNE

DETRAZIONE 50% PER INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA!

La nuova legge di Stabilità ha prorogato fino al 31 dicembre 2017 la detrazione fiscale irpef del 50% per chi compie dei lavori di ristrutturazione presso la propria abitazione e le parti comuni in condominio. Il bonus viene spalmato in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo. Il tetto di spesa massima detraibile è stato confermato in € 96.000.

PER QUALI LAVORI SPETTANO LE AGEVOLAZIONI

Interventi di manutenzione straordinaria. Opere e modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici e per realizzare ed integrare i servizi igienico/sanitari e tecnologici, sempre che non vadano a modificare la volumetria complessiva degli edifici e non comportino mutamenti delle destinazioni d’uso.

Esempi di manutenzione straordinaria:

    • installazione di ascensori e scale di sicurezza
    • costruzione di scale interne.
    • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
    • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
    • rifacimento di scale e rampe
    • interventi finalizzati al risparmio energetico
    • recinzione dell’area privata

In relazione alla sfera della sicurezza, rientrano nelle agevolazioni i lavori relativi alla prevenzione del compimento di atti illeciti da parte di soggetti terzi, ossia quelli rientranti nel concetto di illecito penale come i furti, i sequestri di persona, le aggressioni e comunque quelle azioni che comportino lesioni di diritti protetti giuridicamente. Qui il bonus è applicabile alle spese realizzate per compiere i lavori presso la propria abitazione. In particolare:

    • l’installazione di grate/inferriate sulle finestre;
    • gli antifurti o impianti di videosorveglianza.
    • la posa di porte e portoni blindati;
    • l’installazione o la sostituzione di serrature o catenacci;
    • le saracinesche;
    • le tapparelle metalliche con bloccaggi;
    • le casseforti;

    PER APPROFONDIRE:


DETRAZIONE 65% PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

Nel 2017 è ancora valida anche la detrazione fiscale del 65% per chi compie presso la propria casa lavori indirizzati al risparmio energetico. Il bonus viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo. Per quanto riguarda il limite massimo di spesa, è stato confermato in € 60.000 (Involucro edifici, pareti, finestre comprese di infissi) su edifici esistenti.

PER QUALI LAVORI SPETTANO LE AGEVOLAZIONI

Rientrano nelle agevolazioni i lavori relativi al miglioramento dell’ efficienza energetica dell’abitazione come:

    • la sostituzione delle finestre, comprensive di infissi;
    • la sostituzione dei portoni d’ingresso (COMPRESE PORTE GARAGE) a patto che siano rispettosi degli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre;
    • i cassonetti, le persiane, gli scuri o antoni e le tapparelle.

ATTENZIONE: per godere dell’agevolazione fiscale non è necessaria nessuna comunicazione preventiva nei confronti dell’amministrazione finanziaria né alla Asl, salvo quanto previsto dalle norme in materia di tutela della salute e di sicurezza sul luogo di lavoro e nei cantieri.

PAGAMENTO E DOCUMENTI DA CONSERVARE

Per utilizzare il bonus è indispensabile che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale , da cui emerga:

    • la causale del versamento, in relazione alla normativa (legge 296/06 e successive modifiche, risparmio energetico);
    • In merito alla pratica da inviare all’Enea per il diritto alla detrazione del 65%, se ne possiamo occupare direttamente NOI grazie all’ausilio di un nostro Geometra abilitato.
    • il codice fiscale del beneficiario della detrazione ;
    • il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento;

La detrazione è anche possibile nel caso in cui i lavori siano stati possibili grazie all’intervento di una società finanziaria, ossia il classico pagamento a rate. La finanziaria ci pagherà per conto del cliente, tramite un bonifico che contenga le condizioni sopra elencate. In tutti i casi il cliente dovrà presentare a chi cura la sua dichiarazione dei redditi (modello unico o 730), la ricevuta del bonifico e le fatture delle spese effettuate a lui intestate, la pratica Enea e la ricevuta del suo invio all’Enea. Nel caso in cui i lavori sono effettuati dal detentore dell’immobile, deve essere conservata la dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

PER APPROFONDIRE:

  • Somfy
  • Silvelox
  • Seip

PER INFORMAZIONI E PREVENTIVI VENITE A TROVARCI NEL NOSTRO SHOW ROOM
OPPURE CONTATTATECI E VI RISPONDEREMO AL PIU’ PRESTO

Richiedi preventivo